Lapus de Castellione

E Vicipaedia
Jump to navigation Jump to search

Lapus de Castellione [1] (Italiane Lapo da Castiglionchio, Florentiae natus anno incognito; Romae anno 1381 mortuus), Francisci Petrarca socius, fuit iuris canonici peritus et scriptor Italianus.

Opera[recensere | fontem recensere]

  • Allegationes, Giovanni Reinardi, Romae, 1474
  • De hospitalitate et De canonica portione et de quarta, in Tractatus universi iuris, Ziletti, Venetiae, 1584
  • Tre Orazioni di Lapo da Castiglionchio ambasciatore fiorentino a papa Urbano V e alla Curia in Avignone, a cura di R. Davidsohn, «Archivio Storico Italiano», a. XX, 1897, s. V, pp. 225-246
  • Epistola al figlio Bernardo, a cura di L. Mehus, Corciolani e Colli, Bononiae, 1753
  • Epistola o sia ragionamento di Lapo da Castiglionchio, a cura di L. Mehus, Bologna, Corciolani e Colli, 1749
  • Il libro memoriale de' figlioli di M. Lapo da Castiglionchio (1382), a cura di F. Novati, Bergomi, per nozze D'Ancona - Cassin, 1893
  • Epistola al figlio Bernardo e due lettere di Bernardo al padre, a cura di S. Panerai, in Antica possessione con belli costumi. Due giornate di studio su Lapo da Castiglionchio il Vecchio (Firenze-Pontassieve, 3-4 ottobre 2003), a cura di F. Sznura, ASKA, 2005, pp. 323-449

Notae[recensere | fontem recensere]


David's face Haec stipula ad scriptorem spectat. Amplifica, si potes!