Petrus Laurus

E Vicipaedia
Jump to navigation Jump to search

Petrus Laurus[1] Mutinensis (Pietro Lauro; 1510?-1568?)[2] fuit saeculo XVI de re medica scriptor et interpres. Versionem Italiana librorum Geoponicon anno 1542 Venetiis divulgavit; anno 1544 opera Columellae De re rustica et De arboribus; anno 1545 nomenclatores a Carolo Stephano confectas de hortis et vineis multilingues; anno 1558 ibidem versionem operis Aloysii Loberae Abulani de morbis venereis aliisque.

Opera[recensere | fontem recensere]

  • De noteuoli et utilissimi ammaestramenti dell'agricoltura, di greco in volgare novamente tradotto, per Pietro Lauro modonese. Venetiis 1542; opus 1549 reimpressum
  • Lutio Giulio Moderato Columella De l'agricoltura libri xii; trattato de gli alberi del medesimo; tradotto nuovamente di latina in lingua italiana per Pietro Lauro Modonese. Venetiis: Tramezino, 1544 textus
  • Di Carlo Stephano seminario over plantario de gli alberi che si piantano con i loro nomi e de fruti parimente; agguintoni l'arbusto, il fonticello, el spinetto, de l'istello autore, tradotti in lingua italiana per Pietro Lauro Modonese. Venetiis: Vincenzo Vaugris, 1545 Textus
  • Vineto di Carlo Stephano nel qual brevemente si narrano i nomi latini antichi & volgari del viti e delle uve : con tutto quello che appertiene alla cultura delle vigne alla vendemia e all'uve. Venetiis: Vincenzo Vaugris, 1545 [n.b. sine nomine translatoris] Textus
  • Libro delle quatro infermità cortegiane, che sono catarro, gotta artetica, sciatica, mal di pietre & de reni, dolore de fianchi & mal francese, & d'altre cose utilissime, composto per ... Luigi Lobera di Avila ... tradotto di spagnuolo in italiano per M. Pietro Lauro. Venetiis: Battista & Sessa, 1558 descriptio: vide p. 757

Notae[recensere | fontem recensere]

  1. Fons nominis Latini: Iohannes Albertus Fabricius, Bibliotheca Graeca vol. 6 (Hamburgi, 1714) pp. 500-509 Textus
  2. Sic cum punctis interrogationis catalogus Bibliothecae Nationalis Francicae


Bullet blue.png De hac re nexus intervici usque adhuc absunt. Adde, si reppereris.