Cigala

E Vicipaedia
Jump to navigation Jump to search
Wikidata-logo.svg Cigala
Res apud Vicidata repertae:
Civitas: Italia
Locus: 39°1′20″N 16°29′10″E
Numerus incolarum: 952
Zona horaria: UTC+1, UTC+2
Situs interretialis

Gestio

Procuratio superior: Provincia Catacensis

Geographia

Superficies: 9.28 chiliometrum quadratum
Territoria finitima: Gimilianum, Sorbum, Carlopolis, Fossatum, Fanum Sancti Petri ad Tyriolum

Tabula aut despectus

Cigala: situs

Castriota[1][2] (-ae, f.) seu Cigala[1][2] (-ae, f.) (alia nomina:[3] Cicala) (Italiane: Cicala) est oppidum Italiae et municipium, in Regione Bruttio et in Provincia Catacensi situm.

Insigne[recensere | fontem recensere]

Municipia finitima[recensere | fontem recensere]

Nexus interni

Nexus externi[recensere | fontem recensere]

Commons-logo.svg Vicimedia Communia plura habent quae ad Cigalam spectant.
  • Situs publicus (Italiane)

Pinacotheca[recensere | fontem recensere]

Notae[recensere | fontem recensere]

  1. 1.0 1.1 Comune di Cicala, storia: Per difficoltà economiche, nel 1610 il feudo di Tiriolo, compresi i casali, fu venduto da Francesco Maria Caraffa al conte di Messina Carlo Cigala, che lo acquistò per 80.000 ducati. In questo territorio era compreso anche il villaggio di "Castriota" [...] nel 1616 alcuni uomini della "Trempa di Castagna" chiesero al conte Cigala di fondare un casale nella "Stagliata di Fantuzzo" e di concedere loro dei capitoli di immunità. Da quel momento il villaggio Castriota prese il nome di Cigala, per poi essere cambiato in Cicala.
  2. 2.0 2.1 G. Fiore, Della Calabria illustrata (Neapolis: Parrino e Mutij, 1691)
  3. F. Sacco, Dizionario geografico-istorico-fisico del Regno di Napoli (Neapolis: Vincenzo Flauto, 1796) (tomus I apud Google Books) (tomus II) (tomus III) (tomus IV)
Terra Haec stipula ad urbem spectat. Amplifica, si potes!